Avviata nelle Egadi una Stazione ecologica mobile per pescatori e operatori del settore nautico tra le prime in Italia 

Attivata nel porto di Favignana una Stazione ecologica mobile per pescatori e operatori del settore nautico. L'iniziativa, finalizzata a ridurre la dispersione dei rifiuti in mare e tutelare l'ambiente marino, rientra nell'ambito del Progetto RE.NÈ - Programma Italia Tunisia di cui l'Area Marina Protetta Isole Egadi è partner insieme con alcuni Comuni della Sicilia occidentale e importanti istituzioni. La Stazione mobile è totalmente automatizzata, alimentata a energia solare e pienamente autosufficiente. Per conferire i rifiuti sarà necessario registrarsi mediante tessera sanitaria. Tutte le operazioni saranno tracciate al fine di assicurare il corretto utilizzo della stazione da parte dei fruitori. Il Comune di Favignana e l'Area Marina Protetta Isole Egadi sono tra i primi in Italia ad attuare la legge 60/2022, la cosiddetta "SalvaMare", che ha introdotto nuove disposizioni per il recupero dei rifiuti marini e per l'economia circolare. “Con l'attivazione dell'unità ecologica mobile compiamo un importante passo in avanti verso la risoluzione del problema della dispersione in mare di reti e altro materiale”, dice il direttore dell'Area Marina Protetta Salvatore Livreri Console . Un fenomeno, quello dei rifiuti marini, di grandi proporzioni. Secondo alcune stime, circa il 75 per cento dei rifiuti marini a livello globale è costituito da plastica, materiale che viste le caratteristiche, tra cui il rimanere per molti anni nell'ambiente e la capacità di disgregarsi in particelle microscopiche, crea diversi problemi ambientali. “Con l'introduzione della nuova legge – spiega il direttore dell'Area Marina Protetta -tutti i rifiuti recuperati in mare, prima classificazioni come speciali, sono adesso caratterizzabili e differenziabili. L'unità ecologica mobile fungerà dunque da centro di raccolta e smistamento”. “È una scelta che va nella direzione della tutela del mare, dell'ambiente e della natura”, dice il sindaco Francesco Forgione . Nell'ambito dello stesso programma sono state inoltre poste le basi per un accordo con il Comune di Calatafimi-Segesta, tra i partner del progetto, per il conferimento delle reti dismesse presso il centro di riuso comunale e la trasformazione in indumenti e altri filati. Una collaborazione che consentirà di sgravare il Comune di Favignana di una parte delle spese di smaltimento che incidono non poco sulle casse comunali.

0
80